Skip to content

il passato di verdure

gennaio 24, 2011

Ora, oddio, non è che voglia darvi la ricetta di una cosa per la quale non è che ci sia UNA ricetta e non è neanche che ci sia tanto da stare a descrivere il procedimento, però questo è quello che ho mangiato oggi e quindi ve lo propino pure a voi, così giusto per spirito di condivisione. Così come il passato di verdure è stato propinato un po’ a tutti noi da piccoli, oggi mi diverto io a propinarlo agli altri :)). Ricordo ancora quell’infinito sconforto che mi prendeva quando di ritorno da scuola, arrivata a casa mi veniva detto “oggi passato”! Noooooo, quasi quasi me ne sarei tornata a scuola! Anche se in realtà i picchi di disperazione venivano raggiunti con il minestrone! Se per il passato provavo solo una certa antipatia, per il minestrone si trattava davvero di odio viscerale. E devo dire che per quanto l’antipatia nei confronti del passato di verdure abbia negli anni lasciato il posto a una decisa propensione, il minestrone invece proprio non riesce a farmi felice in nessun modo, neanche adesso. Sarà proprio perché si tratta appunto di un minestrone (mica a caso si dice “hai fatto un minestrone” in senso dispregiativo),  di un miscuglio del tutto casuale di un po’ tutto, di tante verdure con diverse consistenze, dimensioni, forme, sapori, insomma un po’ troppo tutto! Se uno proprio deve svuotarselo il frigorifero o ha l’orto colpito da iperproduttività, mah lo posso anche capire, ma se si deve andare apposta a comprare 15 verdure diverse per farci il minestrone, non è meglio comprarne solo 2 e fare, che so, una zuppa fagioli e patate? Meno vitamine? Mmmm, va bene e allora facciamolo, ma io proprio non riesco ad astenermi dal darci una frullata e ridurre il tutto in un mix di verdure denso, cremoso, omogeneo, delizioso e soprattutto coerente a se stesso! Certo il colore è davvero di quelli poco accattivanti, posso capire che i bambini non lo amino particolarmente, però almeno uno non vede galleggiare tutte quelle robe dentro al piatto, e soprattutto non si corre il rischio che a qualcuno gli venga in mente di metterci della pasta.  Eh si, perché, il minestrone con la pasta è per me l’apoteosi del disgusto infantile. Quando mia madre faceva il minestrone con la pasta, rischiava che chiamassi il telefono azzurro, e anche oggi devo dire che non molto è cambiato, se posso lo evito, se proprio non posso…ghhhhh…quindi quello no!

Venendo a questo coso di un verdastro-marroncino poco fotogenico ma tanto tanto buono, ci ho messo per l’appunto quasi tutto quello che c’era in frigo: una fetta di zucca, 1 zucchina, 1 costa di sedano, 3 carote, 2 patate, 1/2 cipolla, 1/2 cicoria belga, spinaci, pisellini (surgelati), borlotti (precotti), 1 mazzetto di prezzemolo e basta, mi sembra, ma qui davvero dipende solo da quello che uno ha in frigo. E poi, per tradizione familiare, il tutto va messo nella pentola a pressione, coperto d’acqua con un pò di sale  e in 20 min eccovi il vostro mix di vitamine!! Con queste quantità ve ne verrà a sufficienza per 6 persone

Annunci

From → vegetariani

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: