Skip to content

tortine all’arancia (Vassilopitine)

febbraio 4, 2011

E per concludere la trilogia galattica delle tortine ai frutti invernali…
a proposito di trilogia galattica, anzi più che altro a proposito degli aggeggini fantascientifici che uno scrittore come Isaac Asimov deve inventarsi per infarcirci i propri libri, proprio oggi mentre uscivo dalla doccia me ne è venuto in mente uno!! Beh si, per cantare non canto, anche perché potrei causare la morte per strangolamento volontario di chiunque sia a portata di orecchio, e quindi non mi rimane che intrattenermi pensando. Di solito investo le mie elucubrazioni nel capire come ottimizzare il rapporto temperatura corporea/acqua erogata dal bocchettone, e da lì divago ad argomenti correlati. E infatti proprio mentre pensavo a calibrare i movimenti in modo da afferrare l’accappatoio e indossarlo nello stesso tempo impiegato da Clint Eastwood per sfoderare la propria pistola e sparare, toh, ho avuto un’illuminazione: e se in un futuro prossimo tutte le case fossero dotate di quegli affari che si trovano ogni tanto nei bagni degli aeroporti, quegli asciugatori per mani in cui ci infili le mani in verticale e in 10 sec un turbine, pari solo al movimento d’aria provocato dal motore di un boeing 747, te le prosciuga meglio del deserto del Sahara? Giusto un po’ più grande però, in modo che uno esce dalla doccia e ci si infila direttamente dentro e in 10 sec-swischhhhh- tutto fatto! Non sarebbe fantastico? non sarebbe un enorme passo in avanti per tutta la società umana? Non vi sentite già in un film di fantascienza anche solo a pensarci???
Noooo? Ma come no? Ma almeno un pochetto? E vabbè lo ammetto non è poi sta gran ideona, però sempre meglio di certi aggeggini di James Bond sarà!
Cosa c’entra tutto questo con le tortine di oggi? Assolutamente niente! E’ solo che mi sono seduta qui a scrivere, sarà stato che avevo ancora tutte le questioni fantascientifiche in mente…m’è saltata fuori ‘sta cosa della trilogia galattica…e a quel punto ho divagato anche sul blog …arghhh…pessima abitudine. Va bene, intanto che io vado a fare penitenza datevi un’occhiata a queste tortine. Le avevo già fatte nel periodo di Natale, nel bel mezzo della “fase arancia” attraversata a Dicembre, in cui mettevo un qualcosa dell’arancia un po’ in qualunque piatto! La ricetta viene dall’edizione natalizia delle torte delle feste di “sale e pepe”,  solo che lì era per una torta intera e io, per una questione di praticità, ne ho fatto delle tortine (così la finiamo anche di speculare sulla semantica, in questo caso: tortina=impasto per torta aliquotato in piccoli stampini!!). Questo dolce è originario della Grecia, dove la torta viene chiamata Vassilopita, dal nome di agios Vassilis (san Basilio), il santo che porta i doni ai bambini il primo dell’anno. Non ho mai assaggiato l’originale, ma la semplicità del dolce mi sembrava l’ideale per esaltare il profumo dell’arancia, dato non solo dalla buccia ma anche dal succo del frutto, praticamente un modo un po’ diverso (e un tantino ipercalorico) per gustarsi una bella spremuta d’arancia! E infatti queste tortine soffici e profumate hanno risposto perfettamente al mio desiderio di arancia e hanno invaso tutta la casa con la loro fragranza.

Vassilopitine

(per uno stampo da 26 cm, ma secondo me anche 28!Oppure dimezzate gli ingredienti per 12 tortine)

farina 530g
uova 4
zucchero 240g
burro morbido 150g
lievito vanigliato 1 bustina
succo d’arancia 3,8 dl (fresco ottenuto da più o meno 1,5kg di arance)
brandy 1dl
un pizzico bicarbonato
un pizzico di sale
un’arancia e un limone non trattati
zucchero a velo

Separate i tuorli dagli albumi. Montate i tuorli con lo zucchero e 2 cucchiai di acqua fino ad ottenere un composto chiaro e schiumoso. Aggiungete il burro e continuate a montare. Versate il succo d’arancia e il brandy e a questo punto amalgamate usando un cucchiaio. Setacciate la farina con il lievito ed aggiungete al composto precedente insieme al pizzico di bicarbonato. Montate gli albumi con il pizzico di sale a neve soda e amalgamateli delicatamente al mix di farina, mescolando dal basso verso l’alto per evitare che si smontino. A questo punto se state preparando la torta, versate l’impasto nello stampo  da 26 cm rivestito di carta da forno, altrimenti per le tortine suddividetelo negli stampini, infornate a 180°C per 1h per la torta e per 30 min le tortine. Sfornate, aspettate che si raffreddi e spolverate con zucchero a velo.


Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: